oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Network di Infinity

Alé

Una campagna di
Soul Film

Contatti

Una campagna di
Soul Film

Alé

Sostieni questo progetto
15%
  • Raccolti € 1.545,00
  • Obiettivo € 10.000,00
  • Sostenitori 27
  • Scadenza 38 giorni rimanenti
  • Modalità Raccogli tutto  
  • Categoria Documentari & inchieste

Una campagna di 
Soul Film

Contatti

Il Progetto

"Ciò che conta non sono tanto le scalate eclatanti, ma l’umana avventura"

Il progetto – Etimologia e nascita

"Alè” è la parola più usata nel mondo dell’arrampicata in Italia (ma anche in Europa), deriva dal francese “Allez”: è un incitamento giocoso, un grido corale, una preghiera auto-motivazionale in situazioni difficili.

Alè nasce dall’esperienza diretta degli ideatori: Giada pratica arrampicata da due anni, e, con Marco, è entrata in contatto con diverse realtà romane (e non). Da giovani addetti ai lavori, dopo aver conosciuto il mondo dei climbers, hanno divorato le produzioni che l’hanno raccontato: “Valley Uprising”, “Mountain” ma anche “A line across the Sky”.

Quello che sembrava interessante era il racconto del mondo degli arrampicatori non professionisti – coloro che non ne hanno fatto l’unica ragione di vita; ma che ne affrontano i rischi e ne colgono le meraviglie esattamente come i grandi sportivi.

Cosa sarà “Alè”

Alè avrà due arterie: la prima offrirà uno sguardo ampio sul mondo dell’arrampicata (dalla palestra alla montagna), racconterà cosa succede in una lezione tipo, chi sono gli appassionati ed entrerà nelle storie dei protagonisti.

Vogliamo portarvi su falesie mozzafiato, per toccare con occhi la bellezza della montagna, oltre il grado della scalata, oltre l’importanza dell’impresa (ma anche lì dove l’impresa conta).

La seconda arteria sarà destinata a un racconto più focalizzato attraverso due realtà:

  • Uno dei laboratori di scarpette d’arrampicata più importanti d’Europa che mantiene salda la fede nell’artigianato, nella manualità.
  • L’associazione Inspire, fondata da ragazze appassionate di sport outdoor tra cui l’arrampicata, le quali sostengono una forma di eco-partecipazione e la cui attività è la tutela ambientale. Contano un numero sempre più alto di adesioni e vivono di donazioni e volontariato puro:

https://inspire-ecoparticipation.com

Chi c’è dietro “Alè”?

C’è una piccola casa di produzione, la Soul Film. Abbiamo uno studio a Roma e siamo in quattro: Marco e Federico, rispettivamente regista e direttore della fotografia, nonché fondatori della realtà che presenta il progetto. Quello che, al liceo, sembrava un salto nel vuoto (se ritrovate il nostro primo logo coglierete tutta la consapevolezza del rischio) è diventata un’attività concentra. Si è unita Roberta, inizialmente a sostegno della parte organizzativa, diventata poi centro della parte produttiva di ogni progetto. Giada, dèdita alla scrittura.

Confidiamo nel cinema, prima ancora che come mezzo d’espressione, come veicolo di pensiero. Crediamo nella volontà di fare gruppo, nella solidarietà tra realtà piccole. Non lasciamo indietro nessuno. E seppure obbligati a correre, crediamo nella lentezza di fare le cose: the slower you go, the more you see .

La sfida ai propri limiti nella consapevolezza della caduta, la pratica costante nel tentativo del miglioramento, lega il progetto Soul Film al mondo dell’arrampicata e lì dove riusciremo ad andare oltre il solo concetto di sport, potremo dire di aver raggiunto il nostro obiettivo.

Come sostenere il progetto

Alè è un progetto sostenuto in partenza da diverse realtà alle quali siamo vicini (alcune delle quali sopra citate) e abbiamo fissato un budget che ci aiuti a sostenere le fasi principali della produzione: spostamenti, organizzazione, attrezzatura, montaggio, post-produzione.

Dobbiamo raccogliere almeno il 50% del budget fissato, al raggiungimento del quale Infinity co-produrrà il documentario garantendoci la distribuzione sulla sua piattaforma.

Questo vuol dire che potrete vederlo comodamente seduti sul divano, i pop-corn ce li mettiamo noi!

“The summit is what drives us, but the climb itself is what matters”, vale anche per noi e per Alè : portarlo a termine ci guida, ma come e con chi ci arriveremo conterà altrettanto.

Commenti (3)

Per commentare devi fare
  • AU
    Andrea  Buon compleanno Giada
    • GP
      Girolamo  Secondo progetto che sostengono su questa piattaforma, spero sia un successo come il primo da me sostenuto e mi auspico di vederlo realizzare al più presto
      • avatar
        Giada  Grazie mille Girolamo, davvero! Incrociamo le dita e speriamo nel tuo essere un portafortuna!
        1 mese, 1 settimana fa

    Gallery

    Community

    Vuoi sostenere questo progetto?