oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Recupera la tua password

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Password inviata

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Progetto non finanziato

Aiutaci a portare i Gaudats Junk Band a Leggendo Metropolitano!

0.00
raccolti
0
sostenitori
Fine

La nona edizione di Leggendo Metropolitano vuole arricchire il calendario di eventi e ospiti d’eccezione con un concerto dei Gaudats Junk Band.

Il progetto della band, che durante il festival realizzerà anche un laboratorio per ragazzi, nasce dall’idea di utilizzare solo strumenti musicali creati da riutilizzo di materiali di scarto per sensibilizzare i territori sul tema della salvaguardia ambientale e del riciclo. L’energia viene trasformata e, da ciò che si potrebbe eliminare, nasce l’energia positiva, contagiosa e coinvolgente della musica.

Contribuisci anche tu a realizzare questo progetto!

Abbiamo pensato a diversi reward per ringraziarti e dimostrarti la nostra gratitudine per il tuo prezioso contributo! 

Sei un’azienda e vuoi supportarci? 

Contattaci a comunicazione@leggendometropolitano.it 

 

Aiutaci a regalare la cultura.

Cos’è Leggendo Metropolitano?

 «Chi ci priva dei sogni ci priva della vita»

 

Leggendo Metropolitano, un evento culturale di portata internazionale fruibile gratuitamente da tutta la popolazione. Chiunque ha la possibilità di entrare in contatto con i protagonisti dell’informazione e della cultura e di partecipare attivamente alla realizzazione del festival in qualità di volontario. Quest’anno, dall’8 all’11 giugno, staremo in compagnia dei grandi nomi della letteratura e della scienza tra incontri, workshop e brevis lectio. Un insieme di opportunità non limitate ai residenti, bensì estese ai turisti e ai tanti giovani che ogni anno vengono coinvolti nei progetti di scambio. Lavoriamo con impegno per creare una realtà nuova, culturalmente viva, con l’obiettivo di definire un ecosistema sociale che permetta ai giovani una formazione di qualità che possa fondarsi anche sull’esperienza coinvolgente all’interno del nostro staff.

Ciò che Leggendo Metropolitano prova a fare è instaurare un dibattito che includa una moltitudine di voci. Vogliamo fare della Sardegna una meta e un punto di partenza.

Meta per i nostri ospiti, rendendoci appetibili con un prodotto di qualità, il festival, e desiderabili, con ciò che di buono il territorio sa offrire.

Punto di partenza, infine, per i giovani, definendoci come luogo di promozione quanto di formazione. Un coinvolgimento attivo nei settori della comunicazione e dell’organizzazione che prosegue felicemente da anni con gemellaggi a livello nazionale e internazionale. 

 

Un festival ecosostenibile e sensibile alla tematica ambientale

Allo scopo di limitare il proprio impatto ambientale, Leggendo Metropolitano si avvale della consulenza di AzzeroCO2 per la gestione efficiente delle risorse energetiche: il festival utilizza quest’anno solo energia verde, carta riciclata e macchine a trazione ibrida, e offre al pubblico, durante tutti gli incontri, acqua della rete idrica comunale. Per recuperare le inevitabili emissioni di CO2 Leggendo Metropolitano partecipa al progetto di riforestazione in Basilicata di AzzeroCO2.

Durante il Festival ci saranno numerosi incontri, laboratori ed eventi legati al tema ambientale, come le passeggiate tematiche organizzate da Legambiente e l’incontro sui cambiamenti climatici e il futuro delle politiche verdi con Laurence Tubiana, alle redini della Conferenza di Parigi sul clima del 2015 e ambasciatrice del governo francese per COP22 (la Conferenza mondiale dell’ONU sul clima di Marrakech), Vittorio Alessandro, Presidente del Parco Nazionale delle Cinque Terre in Liguria e il vicepresidente di Legambiente Edoardo Zanchini.

A questi incontri, vorremmo aggiungere il concerto della Gaudats Junk Band.

 

Cos’è la Gaudats Junk Band?

La poetica che ispira tutto il progetto si radica nella certezza del fatto che dal letame nascono i fiori e anche che il ricreare oggetti, spazi di solidarietà, passioni comuni da ciò che è destinato ad essere scartato sia un sogno che ha bisogno di esistere e di essere reso possibile.

I tempi difficili che stiamo vivendo, spingono troppe persone verso l’inerzia e la frustrazione in un circolo vizioso di rassegnazione a cui Gaudats Junk Band risponde con strumenti riciclati, proposte, energia ed entusiasmo, per favorire una dinamica virtuosa e capace di restituire al territorio e a chi ne fa parte la gioia di poter essere soggetti attivi e divertiti del mondo.

Il progetto Junk Band, di Daniele Gaudats Guidotti, aderiscono gli amici musicisti a Chilometro Zero, musicisti provenienti dalle esperienze più disparate che costruiscono un piccolo melting pot artistico dando vita ad un sound del tutto particolare.

Lo spettacolo non ha solo l’interesse fornito da improbabili strumenti realizzati con materiale destinato allo scarto, ma è strutturato in modo da risultare coinvolgente per il pubblico, il quale, viene costantemente invitato ad interagire con la band.

Lo show, propone la rivisitazione in chiave Junk di famosi brani sia italiani che stranieri, spaziando trasversalmente tra i generi a dimostrare che molto è possibile con un po’ di entusiasmo e di follia.

I musicisti si esibiscono, coerentemente, con abiti forniti dall’emporio del riuso solidale Daccapo di Capannori (LU)

Il progetto entra nel programma della IX edizione di Leggendo Metropolitano con un laboratorio per i più giovani (dagli 11 ai 18 anni) in modo da sensibilizzare i ragazzi su tematiche così importanti.

Ciò che vorremmo realizzare è anche un concerto della Band che si svolgerà sabato 10 giugno ai Giardini Pubblici di Cagliari. 

Ma abbiamo bisogno del tuo aiuto.

 

Perché aiutarci?

La cultura da sempre garantisce libertà individuale ed emancipazione collettiva. In una regione come la Sardegna, dove lo scambio e il dibattito con l’esterno sono particolarmente difficoltosi, vivacizzare l’ecosistema culturale è importante se non cruciale. Abbiamo bisogno di aiuto perché la cultura necessita di qualità e la qualità è certamente costosa. Le amministrazioni elargiscono sempre meno fondi e organizzare iniziative della portata di Leggendo Metropolitano diventa anno dopo anno sempre più difficile.

Con i fondi per la realizzazione del Festival copriremo il soggiorno della band e il laboratorio di suoni riciclati La memoria musicale negli oggetti ritrovati grazie al quale un gruppo di giovani tra gli 11 e i 18 anni realizzerà l’esperienza della trasformazione di oggetti di scarto in strumenti musicali per poi imparare ad utilizzarli.

Ma vorremmo realizzare anche un concerto della band, un momento a forte impatto emotivo che amplificherà il messaggio culturale e ambientale che il Festival si propone di divulgare.

 

Per cosa spenderemo i fondi raccolti?

Il service per il concerto dei Gaudats

Il concerto dei Gaudats, a cui potrete assistere a piedi nudi sul prato dei Giardini Pubblici la notte di sabato 10 giugno, richiede un costoso service.

 

Aiutaci a realizzarlo!

Grazie!


    per commentare devi fare login