oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

A cosa pensi? Cento giorni con Simona

Una campagna di
chiara cerigato

Contatti

Una campagna di
chiara cerigato

A cosa pensi? Cento giorni con Simona

Campagna terminata
  • Raccolti € 2.733,00
  • Sostenitori 103
  • Scadenza Terminato
  • Modalità Donazione semplice  
  • Categoria Libri & editoria

Una campagna di 
chiara cerigato

Contatti

Il Progetto

Il mio libro parla di emozioni . Non so che scrivere di quello, non so che vivere ogni giorno per cercare emozioni in tutte le cose. Il romanzo è dedicato a Simona Anedda e si ispira alla sua storia (la trovate qui www.inviaggioconsimona.org ). Quando l’ho incontrata per la prima volta, nei corridoi di un ospedale, ho capito che il suo vissuto sarebbe entrato dentro alla mia vita. Chi conosce Simona sa cosa intendo dire: ci sono persone capaci di farti vedere quello che vedono e farti sentire quello che provano con una nitidezza incredibile. Per questo diventa quasi necessario scrivere di loro: non si può perdere l’occasione di vivere le emozioni che sono in grado di trasmettere e di farle rivivere con le parole.

Cosa succede ora?

Simona si è sottoposta a una terapia sperimentale, vuole combattere il mostro: la sclerosi multipla primariamente progressiva che l'ha aggredita. Allora con alcuni amici in comune ci siamo detti: cosa possiamo fare per Simona?

Abbiamo pensato che le emozioni si dovrebbero trasformare in azioni , concrete e tangibili. Simona rimarrà lontana dai viaggi che sogna per almeno due anni. Ma dovrà affrontarne altri, quelli che la conducono da Roma al San Raffaele di Milano, dove rimarrà sotto stretto controllo per verificare l'evolversi della cura sperimentale. Dovrà affrontare i costi delle continue trasferte da Roma a Milano e dell'assistenza di cui ha bisogno, anche se "la tigre" non si arrende al fatto di avere bisogno. Ma questa volta abbiamo deciso noi, gli amici di Simona, e lei dovrà attenersi alle decisioni!

Cosa possiamo fare?

Acquistando il libro in prevendita contribuirete alla riuscita del progetto. La raccolta fondi ci permette di auto-pubblicare coprendo i costi di stampa e consegna, questo consente di evitare i costi della distribuzione attraverso i canali tradizionali riservando il ricavato alla finalità del progetto.

15 Euro , per garantirvi la vostra copia del romanzo, 184 pagine in brossura. Grazie agli amici che ci hanno sostenuto fin dall'inizio, il romanzo è stato stampato e sono già iniziate le consegne. Riceverete una e-mail con cui vi viene chiesto l'indirizzo di spedizione.

Se vi 'scappa' di donare qualche euro in più , non state in ansia: attraverso l'associazione Esseré avrete un rendiconto dei progetti che sosterremo. Sono tante le persone che hanno un sogno da realizzare che vogliamo sostenere.

“A COSA PENSI?”

Mi prendo una gamba con entrambe le mani e con uno sforzo immenso la accompagno al resto del corpo in modo da sedermi su questa panchina.

Anche il piccolo parco sotto il mio appartamento è in grado di darmi una soddisfazione.

Pensare che prima, prima di tutto questo, poche cose erano in grado di darmi soddisfazioni. Dovevo andare lontano, con la mente, ma anche con il corpo, miglia aeree da questo parco per dire: -Finalmente-.

Ora dico “Finalmente” se riesco ad arrivare al letto senza far cadere qualcosa appoggiandomi a tutto quello che può darmi un sostegno. Ora sento il mio piccolo appartamento come una maglietta bagnata che non posso togliere. Conosco ogni angolo, ogni oggetto, ogni manata che ho lasciato nel mio tragitto cucina-bagno.

Ora dico “Finalmente” se raggiungo questa panchina senza chiedere aiuto.

All’inizio usavo prendere il tempo che impiegavo dalla porta a questa panchina. Lo segnavo ogni volta su una agendina dove tengo tutti i numeri di telefono delle persone che conservo nella mia memoria. Ricordavo da ragazzina quando facevo lo stesso con i tempi della corsa. Ricordavo il mio sorriso nel vedere calare il numero. Ho smesso qualche settimana fa. Vedere crescere quel numero non mi faceva sorridere.

Finché riuscirò comunque ad arrivare a questa panchina, continuerò a sospirare “Finalmente” e continuerò a sperare che prima o poi i miei record caleranno.

A quest’ora del pomeriggio estivo non c’è nessuno in questo angolino della città, nessuno che si curi di me e della mia pesante presenza. Forse è per questo che vengo qui: per un po’ posso sentirmi invisibile, superflua al mondo, come tutti gli altri.

Mi sorge spontaneo un amaro sorriso ogni volta che ripenso a quanto mi pesasse da ventenne non essere notata da un ragazzo carino che incrociasse la mia strada, quanto odiassi non essere speciale.

Non so cosa darei ora per possedere ancora quella mancanza di specialità, per camminare senza essere notata. E poi, ovviamente, per camminare e basta.

Ho sempre sentito il bisogno di scrivere, fin da piccola, preferendola come attività a molte altre più tipiche dell’infanzia. Ci sono cose che non possono rimanere dentro, ci sono incontri che devono conoscere il bianco del foglio ed emozioni che necessitano di essere condivise per sentirsi vive. I progetti che preferisco sono quelli che non nascono come tali, ma lo diventano in seguito alla battuta di un amico dopo un bicchiere di troppo o a una caduta in bicicletta. In questo caso è stato un caffè a ispirare il progetto.

Non si può nascondere che la vera realizzazione di una persona che ama scrivere sia vedere gli occhi degli altri scorrere sulle frasi nate dalla sua penna e magari scorgere un sorriso che dica: è vero, è proprio così, è capitato anche a me!

La pubblicazione è un sogno, ma, come tale, spesso piace lasciarlo al suo posto sicuro, ovattato nella sua irrealizzazione e fonte di promessa per il futuro quando si ha bisogno di conforto. Ho coccolato il mio sogno tenendolo al sicuro dal mondo esterno. A volte l’ho lasciato uscire allo scoperto, è capitato che abbia sperato di vederlo spiccare il volo, ma poi gli davo una strattonatina e lo facevo tornare al suo caldo cassetto.

Questa volta è arrivata la decisione di accendere il progetto: perché non provare a pubblicarlo da noi, devolvendo parte del ricavato per una buona causa?

CHI SONO

Mi chiamo Chiara Cerigato, ho 26 anni e vivo a Padova, ma “sono di” Ferrara. Sinceramente, definire una provenienza mi mette in difficoltà: si appartiene alle persone, non ai luoghi ed essi da soli non dicono molto di noi. Ho avuto la fortuna di incontrare lungo la mia strada moltissime persone che mi hanno dato una provenienza e suggerito una destinazione e ora mi trovo qui grazie a loro, ma di questo dirò più avanti. Sono ingegnere. Ho studiato ingegneria per prendermi una rivincita sul mio spirito libero, credendo di domarlo e ridimensionarlo un po’, per poi accorgermi di aver semplicemente aggiunto una sfaccettatura alla mia ordinata confusione .

Ho sempre sentito il bisogno di scrivere, fin da piccola, preferendola come attività a molte altre più tipiche dell’infanzia. Ci sono cose che non possono rimanere dentro, ci sono incontri che devono conoscere il bianco del foglio ed emozioni che necessitano di essere condivise per sentirsi vive. Grazie a tutti quelli che vorranno contribuire a realizzare due sogni. Chiara.

English version

WHO I AM

My name is Chiara Cerigato, I’m 26 and I live in Padua, but I’m from Ferrara.

Sincerely, choosing a provenience causes me trouble: we belong to people, not to places and they alone don’t say much about us. Along my path, I had the luck to meet many people who gave me a provenience and suggested me a destination and now I’m here thanks to them, but I am talking about this later.

I am an engineer. I studied engineering to take revenge on my free spirit, believing I would have tamed and resized it a little, just to realize I simply added a facet to my tidy mess .

I’ve been feeling the urge to write since I was little, preferring this activity to many others more typical of childhood. There are things that cannot be kept inside, there are encounters that have to meet the blank paper and emotions that need to be shared to feel alive.

THE PROJECT

The projects I prefer are those which don’t start as such, but grow up after a joke of a friend who drank too much or a fall from the bicycle. In this case a coffee inspired the project.

It can't be denied that the true realization of a passionate about writing is seeing people’s eyes skim their words and maybe finding a smile which says: it’s true, it’s like that, it happened to me either!

Publication is a dream, but, as such, often we like to leave it secure, pampered in its unrealization and source of promise for the future when we need comfort. I cuddled my dream keeping it safe from the external world. Sometimes I freed it, sometimes I hoped to see it open its arms and fly, but then I grabbed it back and put it back in its warm drawer.

This time the decision to start the project came: why not trying to publish by myself, devolving part of the proceeds for a good cause?

My novel talks about feelings. I can’t write but of that, I can’t live but on seeking feelings in everything everyday.

My novel is dedicated to Simona and it’s inspired by her story (you can find it here: www.inviaggioconsimona.org ). When I first met her I felt that her story would have entered my life. Anybody who knows Simona understands what I mean: there are people that are able to make you see what they see and feel what they feel with incredible sharpness. That’s why it’s almost necessary to write about them: we can’t miss the chance to live the emotions they instill and to make them re-live through words.

WHY SUPPORTING

One day my mom called me and asked me how to open a whip-round. She had in mind something like “one coffee a day for Simona”: a little shared contribution to provide her with daily assistance, a Driss from The Intouchables who can give movement to her ideas and to her irrepressible wish to travel the world. That coffee was the spark that inspired and moved me.

The novel is a concrete way to contribute to help Simona in her project. Deducting production costs, the proceeds will go to Esserè Association to help Simona and others like her finding their Driss.

HOW TO SUPPORT

The novel has a cover price of 15€, 140 paperback pages. Deliveries start after the end of March 2018 and there are no additional costs.

The fundraising allows to auto-publish (covering publishing and delivering costs): this avoid distribution costs through traditional channels, reserving the proceeds to the project’s cause.

BY CLICKING "FAI UNA DONAZIONE" (DONATE) OR "SOSTIENI QUESTO PROGETTO" (SUPPORT THIS PROJECT) YOU CAN DECIDE HOW TO SUPPORT THE PROJECT. BY DONATING 15 Euros YOU BUY YOUR OWN COPY OF THE NOVEL, INCLUDING DELIVERY. YOU WILL SOON RECEIVE AN EMAIL ASKING THE ADDRESS YOU WANT TO RECEIVE YOUR COPY AT. YOU CAN BOOK AS MANY COPIES AS YOU WANT BY DONATING 15 Euros EACH!

YOU CAN ALSO DECIDE TO DONATE LESS THAN 15 Euros AND JUST SUPPORT THE PROJECT WITHOUT BUYING THE NOVEL. OTHERWISE, YOU CAN DONATE LITTLE MORE THAN 15 Euros TO BUY YOUR COPY AND GIVE A LITTLE EXTRA HELP!

Thanks.

Chiara

Commenti (42)

Per commentare devi fare
  • avatar
    Cinzia  .
    • MP
      Maria Carla  Grande Simona la tua forza è di grande esempio!
      • avatar
        Sheree  Forza Simona
        • LC
          Laura  Scusate ma nn so come funziona :-)
          • LC
            Laura  Buona sera ho appena effettuato l'ordine come funziona la spedizione?il mio indirizzo dove lo invio?
            • CC
              Chiara  Ho già spedito una mail all'indirizzo che ha usato per registrarsi nella quale chiedo dove spedire la sua copia ;) se usa un'altra mail, scriva l'indirizzo al quale vuole ricevere il libro a chiarapersimona@gmail.com Grazie per il supporto!
              3 mesi, 2 settimane fa
          • avatar
            Luigi  Buonasera,ho appena effettuato il mio contributo per Simona,un grande in bocca al lupo a te che infondi coraggio e forza anche a noi tutti
            • avatar
              Roberta  Simo è speciale e la sua vita fantastica doveva essere raccontata, grazie per averlo fatto! Non vedo l ora di leggerlo!! Aspetteremo la seconda terza quarta parte 😉
              • avatar
                Samanta  Un abbraccio anche dalla mia amica Sabry che continua a sostenere con me i progetti di Simona!
                • avatar
                  Samanta  Con Simona! Grazie per la tua energia
                  • avatar
                    cinzia  Credo che la vostra sia un'ottima iniziativa!

                    Gallery

                    Community