or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Galleria delle armi

A campaign of
di Salvio Esposito

Contacts

A campaign of
di Salvio Esposito

Galleria delle armi

Campaign ended
  • Raised € 2,000.00
  • Sponsors 141
  • Expiring in Terminato
  • Type Make a pledge  
  • Category Books and publishing

A campaign of 
di Salvio Esposito

Contacts

The project

Pino è un medico in pensione che vive a Napoli intorno alla fine degli anni settanta. Percorre, con malcelata indifferenza, le contraddizioni di quell'epoca. In realtà la molle quotidianità della vita di pensionato richiama continuamente in lui questioni non risolte.
Il fluire del suo esistere appare come bloccato nei mesi immediatamente seguenti le quattro giornate di Napoli, nel tragico episodio del treno 8017 a Balvano, in Lucania .
A quell'epoca, medico nella clinica Dermosifilopatica del Policlinico della città, egli vive tra le rovine della guerra, appena finita a Napoli ma ancora in corso poco più a nord, e le contraddizioni della “dominazione” americana.
L'isomorfismo tra il degrado umano di quei giorni in città ed il suo mondo interiore, lo porta, col ricordo, ancora una volta su quel treno, a vivere come protagonista la tragedia del più grave e assurdo incidente della storia delle ferrovie europee. Nella galleria delle armi, nel luogo dove perirono in pochi istanti più di seicento persone, restano irrisolte le ingiustizie Quei morti, tra cui forse anche la prostituta di Torre del Greco il cui amore Pino, in maniera adolescenziale, stava “inseguendo”, non troveranno alcuna spiegazione dentro e fuori l'animo del protagonista.
Sulla soglia dei settant'anni, in uno scenario caratterizzato dal decadimento fisico, dalla grave malattia di suo nipote e dal fascino che esercita su di lui il movimento giovanile degli anni settanta, Pino tenterà una lisi di quelle vicende del quarantaquattro, in parte dimenticate o cancellate dalla storia . Stavolta però farà riferimento alla vita interiore, invece che allo scontro di classe ed alla politica, per tentare di risolvere quei dilemmi rimasti sospesi fuori e dentro di lui. L'accesso alla conoscenza “esoterica” piuttosto che a quella “essoterica”, saranno la chiave per affrontare nodi esistenziali e contraddizioni storico-politiche, altrimenti irrisolvibili attraverso le spiegazioni fornite dalla ragione.
Al pari della canzone “era de maggio”, il romanzo si svolge su due piani cronologici paralleli. Come nel testo della musica evocata, la dimensione temporale appare messa in ombra dalla lettura introspettiva delle vicende; il dipanarsi cronologico degli eventi, lascia il posto al racconto interiore, che “filtra” le vicende storiche dei due periodi narrati.

Comments (31)

Per commentare devi fare
  • le
    leonardocerino  Libreria Feltrinelli di Napoli piazza dei Martiri apertura ore 10,00 dell'8 agosto 2012 sono in possesso del tuo libro tra pochi giorni partirò per le vacanze ed anche io ti leggerò con piacere!!
    • le
      luciano   E’ sempre positivo rievocare episodi della nostra storia che non è mai entrata a far parte della storia ufficiale perché è la storia dei popoli e non dei”comandanti”.Anche perché serve a farci capire meglio chi siamo e da dove veniamo
      • RC
        Rosario  Complimenti sinceri
        • AS
          Alfredo  Mi sono perso un "s" necessaria.
          • AS
            Alfredo  Grande Salvio, ti ritrovo dopo tutti questi anni e scopro che oltre alla ricostruzione (analisi) della memoria individuale, ti dedichi pure alla "necesaria" memoria collettiva. Ti leggerò con piacere. Per i costi editoriali però potevi rivolgerti all'ex presidente del Pozzuoli Rugby, ti avrebbe sicuramente sostenuto come fece col tuo viaggio in New Zeland!
            • ar
              arturo  Caro Salvio,aspetto con ansia di leggere il tuo libro.
              • se
                salvio  Cari sostenitori, il risultato fin qui raggiunto è strabiliante. Tuttavia confido ancora in un piccolo sforzo per pubblicizzare il progetto attraverso i vostri canali e colmare così il residuo venti percento dei sostegni che ci separano dal raggiungimento della meta. Grazie infinite a tutti.
                • vP
                  valerie  J'aime beaucoup ton livre. Bonne chance chéri, on y est presque !
                  • sv
                    stefano  ok ci sono riuscito con i miei tempi... auguri
                    • MD
                      Michelle  Bonne chance et longue vie à ton premier roman !