oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Recupera la tua password

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Password inviata

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Finanziato

La stoffa del vincitore

13
sostenitori
Fine

GIOVANNI DEL GRILLO - LA STOFFA DEL VINCITORE


"Tutti siamo d'una stoffa nella quale la prima piega non scompare mai più."
(Massimo D'Azeglio, I miei ricordi)

"Lasciando andare, si ottiene tutto. Il vero vincitore è chi lascia andare."
(Lao Tzu e un'amica mia)


GRAZIE AL TUO SOSTEGNO PUO' NASCERE QUALCOSA DI IMPORTANTE:
IL MIO DISCO, LA NOSTRA CREATURA!


 

 

 

[Incipit]

Chi scala le montagne in bicicletta,
nel mezzo d’un sentiero sconosciuto,
si ferma, alza la mano e chiede aiuto
come Romeo nell’invocar Giulietta.

 

Si suda assai per guadagnar la retta
nel dedalo di musica e poesia
perciò si leva la richiesta mia
che fiera veste i panni di colletta.

 

[Premessa]

Intanto una premessa doverosa:
denari non dovrete anticipare
scegliendo adesso d’acquistar qualcosa.
Restate lì tranquilli ad aspettare:
l’impegno avrà bisogno di rispetto
in caso di successo del progetto.

 

[L’idea]

L’idea che vi presento inebriato
zampilla fresca, come l’acqua pura,
lenisce il male e scaccia la paura
dall’animo sgomento del soldato.

 

Bisogna fare i conti col passato,
trovar la forza e scavalcare il muro
per poi fissare gli occhi sul futuro
lasciando allontanare quel che è stato.

 

Si paga a caro prezzo il sacrificio,
il cuore, nudo, si concede al vento,
morendo nasce e trova il beneficio
di crescita, colore e cambiamento.
Saper trarre vantaggio dall’errore...
è questo che fa il vinto vincitore.

 

[La ricompensa]

Mettendomi in ginocchio sopra i ceci
v’informo di dettagli e banconote:
sappiate che trecento son le quote
e il costo d’ogni quota è d’euro dieci.

 

Potete prenotarne anche più d’una
se siete ricchi o di famiglia buona.
Se invece siete re senza corona
il prenotar vi porterà fortuna.

 

Per ogni quota, ve lo garantisco,
sarete nominati sul libretto
e per ognuna avrete a casa un disco:
se tanto date, tanto vi prometto.
A chi mi venne incontro sorridendo
per grazia ricevuta grazia rendo.

 

[Invocazione]
T’invoco Dea, ti benedico Musa
la porta dei ricordi adesso è chiusa...
dammi la mano, mostrami la via
dona la forza a questa mia poesia.

 

 

VERSIONE IN PROSA:

Alcune imprese sono parecchio faticose da intraprendere, come quando osservi la cima della montagna che dovrai scalare e, senza alcuna ragione apparente, cominci a sudare. In questi frangenti una spintarella può risultare gradita...e, per questo, io vi chiedo aiuto.

 

E' doveroso premettere che la prenotazione di una o più quote del progetto non richiede alcun impegno economico a priori. Il mio obiettivo è di raggranellare 3000€ per stampare l’album su ciddì e per riporlo dentro un astuccio di stoffa ricamata. Questo perché credo nei miei versi e nelle mie canzoncine, che custodiscono la mia vita e le mie emozioni e mi piace saperle al sicuro, a fermentar nel legno come il vino buono, in attesa di giungere alla vista, al tatto, all’ascolto e infine al cuore di chi le ascolta.

In sostanza, se non raggiungerò l’obiettivo che mi sono prefissato (quello dei 3000€) nulla mi dovrete e sarò soltanto io a dovervi un “grazie” per la fiducia accordatami alla cieca.

 

La stoffa del vincitore” comprende 15 brani cantati (tra cui uno di Stefano Rosso) e alcuni intermezzi strumentali. Tutte le canzoni (le canzoncine, come le chiamo io) sono passeggiate introspettive nel mio passato. Ne ho scritte tante prima di queste, ma queste sono l’emblema della mia crescita e del mio cambiamento e quindi mi rappresentano appieno. Io non cantoun “vincente”, ma un “vincitore”, uno che s’è tolto la corazza, accettando le sue debolezze, i suoi limiti e le sue sconfitte, arrivando perfino ad amarle.  Un giorno mi sono reso conto che non potevo considerarmi “risolto” senza aver affrontato il mio passato guardandolo per bene negli occhi. In definitiva per scrivere un album di canzoni di vera sintesi ho dovuto prima intraprendere un percorso di autoanalisi. L’oltrepassare il “38° parallelo”, la linea immaginaria che separa il passato dal futuro e quello che si è stati da quel che si sarà, è un passaggio fondamentale per tutte le esistenze. Per questo ho l’ardore di credere universale la mia personale vicenda e sono convinto che ognuno di voi potrà trovarci una trama che gli appartiene.

 

Riassumendo

vi chiedo un sostegno economico di 3000€, suddivisi in quote da 10€.  Potete prenotare una o più quote, senza impegno immediato, ma considerando il vostro gesto come una “promessa a lungo termine”. In cambio vi spedirò a casa una copia del cd per ogni quota acquistata e il vostro nome comparirà nei ringraziamenti del ciddì. Inoltre vi vorrò bene più di quanto già non ve ne voglia per essere arrivati a leggere fin qui.

 

Vi lascio con qualche verso di una canzoncina che sta nell’album e che si chiama “Il soldato e la fortuna”. Oggi mi sento come un soldato che non ha più bisogno di bandiere e non aspetta più che sia la fortuna a baciarlo, perché può baciarla lui, più o meno quando vuole:

 

“C'è un soldato che ha perduto la bandiera

una rondine che ha fatto primavera

una bussola che segna sempre sud

in omaggio alla fortuna

che ti bacia quando non la cerchi più.”

 

 

VITA DA CAN-TAUTORE, biografia in pillole di Giovanni Del Grillo.

Giovanni Del Grillo (alter ego di Giovanni Zangrillo) nasce a Roma il 9 Marzo del 1975.

Sin da prima di raggiungere l’età della ragione fa il musicista e il cantautore.

Come musicista suona il pianoforte e le tastiere in un numero non precisato di formazioni dilettantesche e di cover band, esplorando sonorità che vanno dal jazz al blues, dal rock all’elettronica. Nel frattempo realizza un discreto numero di colonne sonore e di sonorizzazioni per film di produzione indipendente.

Nel 1989 insieme a Marco Ricciardelli fonda i Repellenti, bislacca orchestruncola che in 23 anni di attività ha visto alternarsi nei ruoli più svariati oltre 100 elementi di ogni stirpe e credo.

Dal 1994 al 2002 collabora come arrangiatore e pianista col cantautore romano Maurizio Di Carlo, del quale tuttora ripropone dal vivo alcuni brani.

Nel 2000 è tra gli autori e i protagonisti della trasmissione radiofonica Machettiridishow, che va in onda sull’emittente locale ‘Radio spazio aperto’. La rapidità del succeso che investe la trasmissione sarà superata solo dalla brevità della sua durata. Ospite fisso, in diretta da Milano, è il cantautore e chirurgo Enzo Jannacci, che risponde a quesiti di carattere medico proposti dagli ascoltatori.

Dal 2002 al 2009 collabora come arrangiatore e pianista col poeta Nicolino Pompa. Grazie a questo connubio viene portato in scena  (dopo oltre 30 anni dalla sua ideazione) il recital di teatro-canzone ‘Come erravamo (aspettavo il ’68)’,  rappresentato in diversi teatri e librerie di Roma, oltre che nel cinema ‘Azzurro Scipioni’, tempio del regista e scrittore Silvano Agosti.

Dal 2004 al 2008 collabora come pianista e figlio mancato col cantautore Stefano Rosso, cui nel 2010 dedica la canzone ‘Tre soldi’.

Dal 2010 riprende la carriera solista, con alterne fortune e continue sfighe, scegliendo la  trincea italica come fronte di battaglia.

Nel 2012 fa parte del comitato organizzativo della quarta edizione del Premio Stefano Rosso e viene invitato al Tenco ascolta’, nota rassegna cantautoriale organizzata dal Club Tenco di Sanremo. Nel mese di Ottobre esce (senza fare più ritorno) il suo primo cd ufficiale, intitolato Qui frinisce male’, che contiene 11 brani estratti a sorte da tre progetti del passato rimasti orfani di realizzazione.

Da Novembre 2012 porta in scena presso vari locali romani lo spettacolo Italia 2075’, tratto da un suo disco inedito e suonato dal vivo assieme alla ‘Corte dei miracoli’.

A gennaio 2013 esce il suo secondo album ufficiale, Il metallico cantare Del Grillo’, inverno notte, pianoforte e voce. Dell’arrangiamento dell’unico pezzo orchestrato si occupa il valoroso Edoardo Petretti, cui Del Grillo rende grazie negli anni a seguire.

A Settembre del 2013 partecipa al concorso musicale “Il menestrello d’oro”, che lo vede finalista e premiato con la targa per l’originalità.

Da Febbraio a Aprile del 2014 è in tour per presentare al pubblico il nuovo album ‘La stoffa del vincitore’.

Attualmente è accompagnato nelle sue ambigue performance dal complesso musicale La corte dei miracoli’, che, per ragioni ancora oscure, si esibisce a cottimo mettendo a repentaglio matrimoni e carriere lavorative, oltre al benessere fisico e mentale.

 

Giovanni Del Grillo è deperibile su:

web: www.delgrillo.net

youtube: http://www.youtube.com/user/YouGiovanniDelGrillo

facebook: http://www.facebook.com/giovanni.delgrillo

email: giovanni@delgrillo.net

cellulare: 347.6163125

  • Mirco
    2 anni, 10 mesi fa
    daje mostro sacro!
  •    

    per commentare devi fare login
      Hey! Non ci sono ricompense abbinate a questo progetto!