or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Netzanet-autoproduzioni a sfruttamento zero

A campaign of
Associazione Solidaria

Contacts

A campaign of
Associazione Solidaria

Netzanet-autoproduzioni a sfruttamento zero

Campaign ended
  • Raised € 1,235.00
  • Sponsors 18
  • Expiring in Terminato
  • Type Donation  
  • Category Movies & shorts

A campaign of 
Associazione Solidaria

Contacts

The project

Salsa Netzanet

Inizia la Campagna “Sfrutta 0”

Cos'è Netzanet?

Netzanet in tigrino significa libertà. La libertà per i migranti di poter circolare senza dover essere soggetti a continue espulsioni e respingimenti; libertà di essere padron* del proprio corpo e della propria forza lavoro senza dover subire i continui ricatti di padroni, caporali e multinazionali. La libertà nel rivendicare una accoglienza, e perché no, un mondo diverso!

Netzanet è un progetto che vuole legare la riappropriazione e il riuso immobiliare a scopo abitativo (come ad esempio i percorsi di occupazione e autogestione di alcuni rifugiati politici a Bari: l'ex liceo Socrate e l'ex casa del rifugiato ) all’esperienza di avviamento di un'attività lavorativa per alcuni migranti, giovani disoccupat* e precari*, attraverso le autoproduzioni di prodotti locali e di conserve. L'obiettivo del progetto è anche quello di inserirsi in un circuito di produzione e distribuzione 'fuori mercato' e a 'sfruttamento zero’. Attraverso l'avvio delle autoproduzioni si vuole sperimentare anche un nuovo modo di vivere le relazioni umane fuori dalle logiche della concorrenza e della produttività, attraverso la socializzazione e la condivisione di pratiche positive e innovative.

La filiera fuori mercato

Tra le varie produzioni in conserva originarie della terra pugliese abbiamo pensato di iniziare con la salsa di pomodoro.

Perché proprio la trasformazione dell'oro rosso? Perché la Puglia negli ultimi anni è diventata tristemente famosa per il diffondersi del caporalato e per lo sfruttamento dei braccianti, il più delle volte lavoratori/trici migranti. Proprio per questo motivo abbiamo pensato di iniziare nel nostro piccolo a rovesciare questa immagine. Pensiamo ad una filiera produttiva 'altra', fuori dalle logiche di sopraffazione.

Nel concreto quest'estate vogliamo:

- acquistare all'incirca 10 quintali di pomodoro da cooperative o altre realtà agricole i cui lavoratori e lavoratrici braccianti (immigrat* e non) siano retribuiti dignitosamente;

- la fase di trasformazione del pomodoro in salsa avverrà nel 'Socrate' a Bari, allestito ed organizzato con le necessarie attrezzature e idonee condizioni igienico sanitarie. Saremo affiancati da contadini e contadine esperte e competenti che ci aiuteranno e ci coordineranno in tutte le fasi della trasformazione e lavorazione;

- per la fase di imbottigliamento verranno utilizzate bottiglie di birra riciclate;

- Infine si distribuiranno le conserve Netzanet con l'etichetta Sfrutta 0, utilizzando diversi canali quali i mercati e le fiere delle autoproduzioni, i Gas oppure siti web di vendita di prodotti locali come ad esempio il sito http://www.fuorimercato.com/

Perché il crowdfounding?

Il finanziamento del progetto mira all'acquisto delle materie prime, i pomodori, ed all'acquisto di tutti i macchinari ed attrezzature per la fase di trasformazione del pomodoro in salsa con l'apposito allestimento degli spazi di conservazione. Una parte delle conserve verrà destinata al consumo interno per gli e le abitanti del 'Socrate'.

Cosa ci serve?

Per il processo di trasformazione:

-Vaschette in plastica

-2 Bruciatori

-Calderoni e mestoli

-Vasetti con annessi tappi;

-Macchina per la passata di pomodoro

-Macchina sigilla barattoli;

-Canovacci;

-Ceste,ampi contenitori e scaffali per la conservazione e trasporto del prodotto finito.

Per la distribuzione:

-Stampe etichette “Sfrutta zero”;

-Flyers e manifesti promozionali;

-Rimborso benzina per il trasporto e distribuzione della salsa.

Per il corto-documentario post-distribuzione:

- affitto attrezzatura professionale (videocamere, luci, carrelli, cavalletti)

La realizzazione del progetto dipende da tutt* noi.

Chi parteciperà al suo finanziamento sarà parte integrante del progetto e verrà inserito nei ringraziamenti del corto-documentario che realizzeremo durante la fase di trasformazione e distribuzione della salsa.

Come fare per sostenere questo progetto?

Attraverso la piattaforma PDB:

- clicca su dona

- decidi l'ammontare

- ti registri a pdb (anche tramite registrazione con i social)

- vai sulla pagina di paypal ed inserisci i dati della carta di credito

- i soldi (al netto della commissione di paypal) vanno direttamente al promotore della campagna

e vengono contabilizzati e visualizzati nella pagina progetto.

Oppure:

Direttamente attraverso un bonifico bancario (su Banca Etica) all’IBAN: IT95 F050 1804 0000 0000 0174 000        Causale: Progetto autoproduzione

Intestato ad associazione Solidaria

Chi siamo?

Siamo lavoratori e lavoratrici, migranti, studenti, precari, disoccupati e abbiamo deciso di costituirci in una associazione che abbiamo chiamato “Solidaria”. Siamo convinti che un'altra uscita da questa crisi sia possibile attraverso l'organizzazione dei soggetti che si autodeterminano e organizzano attraverso la sperimentazione di altre forme di produzione e di lavoro, senza dover subire costantemente il ricatto di chi questa crisi la ha causata.

Facebook: cerca Netzanet- Solidaria

Email: solidariassociazione@gmail.com

Comments (2)

Per commentare devi fare
  • DD
    Dixio  E' importante sostentere iniziative come questa per permettere autonomia e dignità a tutti! Davide Dixio! Buona Salsa a tutti!!!
    • avatar
      Eugenio  Sosteniamo questa originale, splendida et lungimirante iniziativa dal basso . Per un'interazione paritaria ed efficace tra migranti, italiani, precari e volenterosi/generosi di ogni tipo. Eugenio Scardaccione (Gegè)

      Community