or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Lotta senza classe (film documentario)

A campaign of
Greca Campus

Contacts

A campaign of
Greca Campus

Lotta senza classe (film documentario)

Campaign ended
  • Raised € 410.00
  • Sponsors 14
  • Expiring in Terminato
  • Type Make a pledge  
  • Category Movies & shorts

A campaign of 
Greca Campus

Contacts

The project

English version below

INFO DETTAGLIATE PER LA PRENOTAZIONE DELLE QUOTE:

• Clicca sul tasto “SOSTIENI” alla sinistra dello schermo
• Inserisci il numero di QUOTE che vuoi prenotare. Ogni quota vale 10 Euro, quindi se ad esempio vuoi versare 50 euro devi prenotare 5 quote
• Se non sei già iscritto al sito Produzioni dal Basso, ti verrà chiesto di effettuare la registrazione. Inserisci i tuoi dati, indica un indirizzo email valido, scegli username e password. Ricordati di “spuntare” l’adesione al trattamento dei dati personali, e premi il tasto “INVIA”
• Non c'è niente da pagare subito: solo se riusciremo a raggiungere 350 quote, dopo il Primo Maggio, ti verrà inviata una mail con le indicazioni per il pagamento delle tue quote.
• Appena terminata la post-produzione invieremo una copia del documentario a tutti i sostenitori.

Stefano, 36 anni, ha lavorato nell'area a caldo e da un paio d'anni è un delegato Rsu della Fiom a tempo pieno. Alessandro, classe '76, è un trombettista jazz e per vivere lavora in acciaieria. Krishna, 34 anni, arrivato in Italia dall'India nove anni fa, lavora in una ditta di subappalto.

Tre modi differenti di essere operaio. Tre differenti modi di affrontare la crisi della fabbrica, tre diverse prospettive di vita.

Un documentario come un quadro con tre ritratti ed un unico sfondo, Terni e la vendita della sua acciaieria.


Terni come Piombino, come Portovesme, come Taranto, come Pomigliano d'Arco, come Termini Imerese. Territori la cui identità rimane indissolubilmente legata alla fabbrica, unico riferimento sicuro nell'assenza di alternative.

Attraverso le esperienze e le parole dei tre protagonisti, raccolte lungo un anno particolarmente critico per la città, la fabbrica conferma la sua identità, un luogo a cui attribuire valore e significati sempre diversi, un luogo vivo, animato da passioni, contraddizioni e conflitti, un laboratorio sociale di un “corteo ideale” che unisce il dipendente, il precario, il migrante, il lavoratore della conoscenza e dell'immateriale, tutte diverse identità unite nella lotta per il lavoro. Tutti mossi dalla consapevolezza che anche se le grandi classi non esistono più, i grandi partiti neppure, le diseguaglianze sociale permangono ed anzi si rafforzano.

Anche se le fabbriche chiudono e i territori vengono deindustrializzati, l'eredità culturale e identitaria dei lavoratori permane e si trasforma, come radici che continuano a nutrire il fusto, anche se questo viene strappato.

La fabbrica rimane uno dei luoghi da cui partire per ricostruire una narrazione, una visione di quello che può esistere al di là della forma sociale e politica del mondo attuale.

La realizzazione del documentario è stata fin qui resa possibile dalla passione e dall'impegno di un gruppo di professionisti, tutti ternani. Ora abbiamo bisogno del sostegno e dell'aiuto di tutte le persone che condividono con noi l'esigenza di raccontare le storie che compongono “Lotta senza classe”.

Il denaro raccolto con questa campagna andrà a coprire le spese per la conclusione del montaggio, la traduzione e sottotitolatura in inglese e la conversione nel formato DCP per la distribuzione nei festival internazionali. Tutti i sostenitori verrano inseriti nei titoli di coda e riceveranno una copia del documentario.

---------------------------------------------------------------------------------------------

How to sustain the doc:
• Click on the green icon “SOSTIENI” on the top/left of the page.
• Select the number of quotas (QUOTE in italian) that you want to book. Each quota is 10 euros, so if you want to give to the project 50 euros, you need to book five quotas.
• Subscribe to produzionidalbasso.com (insert a valid e-mail and password). Press the button "INVIA".
• You will receive a confirmation mail.
• You didn't send any money, but you've just booked quotas. At the end of the campaign you will be contacted and informed on how to send the money.

Stefano, 36 years old, used to work in the furnace of the steel mill and a couple of years ago took over a full time role as trade-unionist delegate. Alessandro, born in ’76, is a jazz trumpet player but he makes a living working at the steel plant. Krishna, 34 years old, moved to Italy from India 9 years ago and works for a subcontractor at the same steel plant.

Three different ways of being metalworkers. Three different ways of dealing with the crisis, three different life prospects.


A documentary as a canvas with three portraits and a single background: a town, Terni, and the trade of its steel mill.

Terni shares the same fate of Piombino, Portovesme, Taranto, Pomigliano d’Arco and Termini Imerese. Territories whose identity remains inextricably linked with the factory, sole reference point while lacking alternatives.

Through the words and experiences of the three main characters collected during a particularly tough year for the town, the factory reaffirms its identity. It constitutes a place which generates different values and meanings; it is a living entity animated by passions, contradictions and conflicts; the factory is a social lab for an “ideal parade” which joins employees, occasional workers, migrants, knowledge producers and intangibles. Different identities united in the fight for employment. The same awareness moves all actors: notwithstanding the fact that classes and large political parties no longer exist, social inequalities still remain and even increase further.

Even if factories are closing and territories are deindustrialised, the cultural heritage and identity of workes still endures and even mutates, as roots still nurishing the trunk although this has been pulled out.

The factory still remains a starting point for building a story, a vision of what could exist beyond nowadays social and political appearance of the our world.

The realisation of this documentary has been enabled so far by the passion and efforts of a group of professionals all coming from in Terni. We now need support and help from people who shares with us the need to tell stories which are part of “Classless fight”.
The budget collected through this campaign will be used for covering the expenses of editing, translation and inclusion of English subtitles and adaption of the supporting format for the distribution at international festivals.

Sponsors will be included in the credits and will receive a copy of the documentary.

Comments (0)

Per commentare devi fare

    Community