oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Ladri d'ulivi

Una campagna di
Serena Castro Stera - Elio SCarciglia

Contatti

Una campagna di
Serena Castro Stera - Elio SCarciglia

Ladri d'ulivi

Campagna terminata
  • Raccolti € 800,00
  • Sostenitori 31
  • Scadenza Terminato
  • Modalità Prenotazione quote  
  • Categoria Libri & editoria

Una campagna di 
Serena Castro Stera - Elio SCarciglia

Contatti

Il Progetto

"Guglielmo Macor, vigile del fuoco di stanza a Udine, uomo solido come un castagno, alto, con mani francamente troppo grandi per ambire alla chirurgia, suo primo sogno appena oltre all’infanzia, Guglielmo Macor dunque, quel giorno pianse come un uomo può.
Pianse come si piange solo l’abbandono.
Di fronte allo scempio di un furto che era più furto dell’anima che materiale, sentì aprirsi nel cuore una voragine pari a quella lasciata dai ladri.
Con il suo lavoro ne aveva viste tante.
A domare incendi o a scavare nelle macerie lasciate dall’ira ribelle di un terremoto, ci si trovava spesso a frequentare paesaggi desolati, con un’architettura sghemba, quasi maligna, che lasciava polvere e fuliggine nel cuore. L’energia positiva poi, riusciva sempre a soffiare la coltre dal cuore nella spinta ad agire, cambiare le regole di quell’ ingegneria del disastro e a rendere nuovamente praticabile il territorio agli occhi e alla buona volontà.
Eppure quell’aggressione lo ferì nel profondo.
Il suo ulivo era un albero centenario, sfuggito alle insidie del clima di molti inverni rigidi al nord. Era una pianta dalle fattezze contorte, temprata da una latitudine non sua, un disegno della natura perfetto nella totale mancanza d’ordine e linearità. La chioma argentata catturava la luce che sembrava affogare nel folto del fogliame proteggendo lo scuro dell’interno dove i rami tessevano un ordito nodoso e nascosto. Per lui quella pianta era stata da subito l’indicativo della luce e dell’ombra e per associazione anche del bene e del male.
Ladri d’ulivi.
Ignobili.
......."

Il progetto prevede la pubblicazione di un racconto di Serena Castro Stera e la trasformazione dello stesso in un opera filmica per la regia di Elio Scarciglia.
La storia parla d'amore e incomprensione con al centro gli alberi d'ulivo della Puglia che da spettatori muti diventano oggetto di una vendetta tutta umana. La venerazione e il rispetto innato per queste sculture viventi fanno sì che i protagonisti, dopo anni trascorsi nella loro arroccata posizione, si riavvicinino con una sorta di rimpianto per i legami ormai perduti.



L’opera si presenta come:
o Un’occasione di riflettere sull’asse storico che unisce l’Italia in un solo popolo che ha combattuto per la stessa libertà
o Uno stimolo a riflettere sul rispetto dovuto alla terra e alla cura delle sue creature più antiche come appunto gli ulivi
o Una denuncia velata di una pratica che nella forma malavitosa depaupera il territorio pugliese di una sua naturale ricchezza.
o Una promozione di valori come il rispetto della natura, della terra, della storia, dell’amore, dell’amicizia e della poesia che pervade la vita.

QUOTE
Il versamento di due quote dà luogo al ringraziamento sui titoli di coda

Il versamento di 20 quote consente la citazione all'interno del corto e dei materiali promozionali, sotto la dicitura "in collaborazione con" e di una copia del CDRom 'I Colori del Salento' di Elio Scarciglia

Il versamento di 100 quote conferisce a tutti gli effetti il titolo di "produttore associato", nei primissimi secondi del corto e su tutti i materiali promozionali (trailer, locandina, dvd) e una copia del CDRom 'I colori del Salento' di Elio Scarciglia

Commenti (10)

Per commentare devi fare
  • fr
      Ho saputo del progetto da una cara Amica, sensibile a tutto quello che di vivo e vitale ci circonda, come lei. Sosterrò il progetto con onore e mi impegnerò a divulgarlo.
    • SC
      Sandra  il progetto va asssolutamente sostenuto concretamente. sappiamo tutti che sono momenti non favorevoli alle spese, ma la cultura è un investimento e quello che spendiamo oggi ci frutterà più di un conto in banca.diamo prova di essere capaci da soli a produrre bellezza e a valorizzare chi vale veramente.
      • mr
        manuela  Il progetto è proprio bello: coniuga la sensibilità creativa al rispetto per la natura (meravigliosi, gli ulivi!). Manuela
        • GB
          Graziano  L'dea è ottima; verrà un bel lavoro. Mi compiaccio con gli autori e con l'editore. Graziano Benelli
          • GB
            Graziano  Ottimo progetto! Bravi!
            • EK
              Elie  Ho letto Serena Castro e ho aprezzato la sua sensibilità e umanità. L'ho conosciuta come persona e collega e l'ho aprezzata di più. La publicazione del suo libro e di più, la sua realizzazione come filmato, mi riempie di gioia.
              • EK
                Elie  Ho letto l'autrice e aprezzato la sua sensibilità. L'ho conosciuta come persona e collega e l'ho aprezzata ancora di più.
                • CD
                  Claudio  mi fà pensare alle migrazioni,argomento attualissimo in questi tempi....
                  • PT
                    Paola  in bocca al lupo Serena!baci da Miami
                    • SC
                      Sandra  Spero che questo progetto possa realizzarsi, affinché il mondo non si privi del piacere di conoscere una meravigliosa scrittrice.

                      Community