or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Rickshaw run for home

A campaign of
Sara Zavarise

Contacts

A campaign of
Sara Zavarise

Rickshaw run for home

Campaign ended
  • Raised € 4,000.00
  • Sponsors 80
  • Expiring in Terminato
  • Type Make a pledge  
  • Category Movies & shorts

A campaign of 
Sara Zavarise

Contacts

The project

(versione italiana a seguire)

The biggest tuk-tuk race in India told by a young street-dweller who dreams of becoming a film-maker

We need your support in order to undertake this adventure in December 2013!

SYNOPSIS
In Hyderabad, the productive metropolis of the Indian “Silicon Valley”, next to the skyscarpers born of the recent economic development of the city, there are crumbling buildings, where people still live a village way of life. In one of these houses Neelagiri lives with his adoptive family, Mummy, Daddy, 32 brothers and two dogs, Lucky and Jikky. They are street-dwelling children who have found refuge in the Bhavita Home family shelter.
Neelagiri is 22 years old and he has a great passion for cinema born when he used to secretly sneak in the studios of Tollywood, the local Cinema industry, competitor of the more famous Bollywood. Whenever he can, he films the nicest moments of his life.
One day Bhavita Home receives some bad news: the landlord wants his house back and threatens to evict them out if they don't pay 3 months rent in advance. After having fought so hard to obtain a house for all the children, they cannot imagine losing it. In order to raise money for the rent they decide to participate in the Rickshaw Run, the famous tuk-tuk race which travels through India.
The departure date is set for December 29th from the famous Fortress-city of Jaisalmer in Rajasthan and the arrival will be two weeks and 2000 miles later in Kochi, Kerala in the south of the country.
Neelagiri will film the race together with two Italian volunteers as sponsors for the Bhavita Home. For Neelagiri it is an unmissable opportunity: his dream of making a film will finally come true!
Lucio, Manuela and Neelagiri will live their biggest adventure, a wild race in a tuk-tuk crossing the huge diversities of the Indian sub-continent. They will be leaving Rajastahn, the golden city in the desert, passing through the chaos of the Mumbai, the rice fields of Karnataka and the luxurious green forests of Kerala.
Dozens of unexpected obstacles and unforseen situations will accompany them during the voyage.
Will they manage to finish the race reaching their final destination in Kochi within the expected date? Will they raise enough money to keep Bhavita Home alive? These questions and challenges will keep viewers glued to the screen whilst following the adventures of Neelagiri and his brothers.

DIRECTOR'S NOTES
This film talks about the possibility of believing in someone’s dreams. Neelagiri fights not to lose his home because it represents for him a way-out from a life on the streets. The love he received in the family shelter allows him to cultivate his passion for filming.
I have known the Bhavita Home since its birth in 2007 and for a long time I have thought of realizing a documentary about it. Until now I was missing some elements which would allow me to turn this place and these people into a good subject for a docu-film. The occasion arrived with the recent threat of eviction and the creative solution they decided to undertake. It seems to me one of those cases in life where reality is more incredible than fiction: if I had scripted a film and found a solution to the threat of eviction, it would have been difficult to come up with such an interesting idea in cinematographic terms as the Rickshaw Run. I cannot lose such a great occasion, it is time to make this movie!
The film will be centered on Neelagiri, because I find him very interesting from a narrative point of view: it will allow me to look into the phenomena of street-children in India; to delve into the Indian film industry of Tollywood and the influence it has on normal people’s psyche; of getting to know the reality and the dynamics which are put into motion within a family home with street children; as well as showing India through a road documentary that follows a boy who sees his own country for the first time.
Secondly, I am interested in Neelagiri’s point of view on a visual level. His passion for filming allows me to experiment within metacinema, showing him while he is filming the reality.
There will be an alternation of archival footage of a young Neelagiri, as well as handycam images shot by Neelagiri there and then, and footage shot by us following him, as well as the pure observation of the context within which all of this happens.
For years I have been working on giving people I film the tools for expressing themselves. In this story the process is complete since it involves, not only the creative process, but also the film distribution. Through screening a whole circuit of self-financing will be put in motion to keep alive Neelagiri’s right, for him and his brothers, to have a home.

BIO
Sara Zavarise is a film editor and documentary filmmaker specialized in social issues related to human rights, migration and community development. She has over nine years experience working with several production companies, NGOs and television.
Born in Verona in 1979. She graduated in Communication Design at the "Politecnico di Milano" (Milan); she completed the European School for Social Documentary EsoDOC 2008.
As ZaLab (www.zalab.org) charter member, she realized several community film projects in Europe, Middle East and Australia.
Recent film editing: “The first snow” (70th Venice Film Festival); “Undue Debt” (66th Locarno film festival); "Li and the poet" (68th Venice Film Festival).

CROWDFUNDING
I am trying to raise at least 4000 euro which will go to fund the following production expenses:
- 2 return tickets to india for director and cameraman
- travel within India
- a car rental to follow the Rickshaw Run
- board and lodgings
- any extras will go to fund the Bhavita Home

How to support the project:
1 share: regards on the website
2 shares: regards on the website
password to watch the film in streaming
3 shares: regards on the website, one copy of the film in DVD
6 quote: regards on the website, regards on the credits, two copies of the film in DVD, t-shirt of the Rickshaw Run


.............


La più grande corsa in tuk-tuk dell'India raccontata da un ragazzo di strada che sogna di diventare regista.

Sostenete le spese di viaggio per girare questo film a dicembre 2013!

SINOSSI
A Hyderabad, metropoli produttiva della “Silicon valley" indiana, accanto ai grattacieli figli di un recente sviluppo economico, si trovano case fatiscenti dove la gente conduce ancora una vita di villaggio. In una di queste vive Neelagiri con la sua famiglia adottiva composta da Mummy, Daddy, 32 fratelli e due cani, Lucky e Jikky. Sono bambini e ragazzi di strada che hanno trovato rifugio presso la casa famiglia Bhavitha Home. Neelagiri ha 22 anni e una grande passione per il cinema nata entrando di nascosto negli studios di Tollywood, l’industria cinematografica locale concorrente a Bollywood. Appena può riprende i momenti più belli della sua vita.
Un giorno al Bhavitha Home ricevono una brutta notizia: il proprietario vuole indietro la casa e minaccia di sfrattarli se non versano tre mesi di affitto anticipato. Dopo aver lottato tanto per ottenere una casa per tutti, non possono immaginare di perderla. Per raccogliere i soldi dell’affitto decidono di partecipare al Rickshaw Run, la famosa corsa in tuk-tuk che attraversa l’India. La partenza è prevista il 29 dicembre da Jaisalmer (Rajastan) e l'arrivo dopo due settimane e 3.000 km a Kochi (Kerala). Nella gara vengono coinvolti due volontari italiani come testimonial per il Bhavitha Home. A Neelagiri viene dato il compito di riprendere la corsa, un’occasione imperdibile e la realizzazione del suo sogno di fare un film!
Lucio, Manuela e Neelagiri vivranno la loro più grande avventura, una corsa sfrenata in tuk-tuk che attraversa la diversità del continente indiano. Partiranno dalla città dorata nel deserto del Rajastan e passeranno per il caos di Mumbay, le risaie del Karnataka, le verdi foreste del Kerala. Mille peripezie li accompagneranno durante il viaggio. Porteranno a termine la corsa raggiungendo il traguardo di Kochi entro la data prefissata? Raccoglieranno abbastanza fondi per tenere in vita il Bhavitha Home? Queste domande terranno gli spettatori incollati allo schermo nel seguire le vicende di Neelagiri e dei suoi fratelli.

NOTE DI REGIA
Questo film racconta la possibilità di credere nei propri sogni. Neelagiri lotta per non perdere la casa perché rappresenta per lui il riscatto da una vita di strada. L'accoglienza ricevuta nella casa famiglia gli permette di coltivare la sua passione per il cinema.
Conosco il Bhavitha Home dalla sua nascita nel 2007 e per molto tempo ho pensato di realizzare un documentario al suo interno. Fino ad ora mi mancavano alcuni elementi che facessero diventare questo luogo e queste persone il soggetto per un film di cinema del reale. L’occasione è arrivata con la recente minaccia di sfratto e la soluzione fantasiosa che hanno deciso di intraprendere. Mi sembra uno di quei casi in cui la realtà supera la finzione: se avessi sceneggiato un film e cercato una soluzione alla minaccia di sfratto, sarebbe stato difficile trovare un’idea così interessante a livello cinematografico come il Richshaw Run. Non posso perdere un’occasione maturata in così tanto tempo, è giunta l’ora di realizzare questo film.
Lo sguardo che voglio indagare è quello di Neelagiri, perché lo trovo interessante innanzitutto dal punto di vista narrativo: mi permette di toccare il fenomeno dei minori di strada in India; di scoprire uno spaccato dell’industria cinematografica di Tollywood e l’influenza di quell’immaginario sulla gente comune; di conoscere la realtà e le dinamiche che si instaurano all’interno di una casa famiglia per ragazzi di strada; nonché di raccontare l’India attraverso un road documentary che segue un ragazzo che vede il suo paese per la prima volta.
In secondo luogo mi interessa lo sguardo di Neelagiri dal punto di vista del linguaggio. La sua passione per le riprese mi permette di sperimentare all’interno del linguaggio cinematografico che esplorerà diverse modalità di racconto in cui il metacinema ha una componente fondamentale. Si alterneranno immagini di archivio di Neelagiri da piccolo, riprese con telecamera handycam che lui realizzerà al momento, pedinamento del nostro personaggio e osservazione pura del contesto.
Da anni lavoro nella direzione di appropriazione di uno strumento di espressione da parte di soggetti filmati. In questa storia l'appropriazione è piena perché coinvolge non solo il processo creativo ma anche la distribuzione del film. Attraverso le proiezioni si attiverà infatti un circuito di autofinanziamento per mantenere vivo il diritto di Neelagiri e dei suoi fratelli di avere una casa.

BIO
Sara Zavarise è documentarista e montatrice specializzata in film sociali riguardanti i diritti umani, la migrazione e lo sviluppo comunitario. Ha all'attivo nove anni di esperienza lavorando con diverse case di produzione e ONG.
Ha curato il montaggio del lungometraggio “La prima neve” di Andrea Segre, produzione Jolefilm Srl, con cui ha realizzato precedente il pluripremiato lungometraggio "Io sono Li”.
Nata a Verona nel 1979, si è laureata in design della comunicazione al Politecnico di Milano e ha frequentato il corso europeo per il documentario sociale EsoDOC ‘08. Come socia di ZaLab (www.zalab.org) ha condotto laboratori di video partecipativo in Italia, Palestina e Australia.

SPESE
Con i fondi raccolti verranno affrontate le spese di produzione più contingenti:
- 2 viaggi in India per regia e operatore
- spostamenti interni al paese
- noleggio automobile per seguire il rickshaw run
- vitto e alloggio

COME SOSTENERE IL PROGETTO
1 quota: un ringraziamento sul sito del documentario
2 quote: un ringraziamento sul sito del documentario, la password per vedere il film in streaming su Vimeo
3 quote: un ringraziamento sul sito del documentario e 1 copia del dvd
6 quote: un ringraziamento sul sito del documentario, nei titoli di coda, 2 copie del dvd, una maglietta del rickshaw run

Comments (30)

Per commentare devi fare
  • sB
    stefano hello sara , looks like i am Sostenitori no. 80.. i hope it was a great experience and successful project...i am sure still plenty of work to do... in future, with more notice i will try get the other drummond st friends to contribute also as collaborative effort. As you efforts in Australia, were much appreciated by all i am sure and left me with a movie / legacy of our families history. which was great. keep well. saluti . stefano. (www.cellarplus.com.au)
    • mr
      maria buon viaggio!
      • avatar
        Daniele Daje!
        • SS
          Susanna Ottima storia che Sarà un Ottimo lavoro! Far girare la richiesta di sostegno! Forza che il tempo non aspetta!
          • AZ
            Alvise ecrepistolupo!!
            • fv
              francesca in bocca al lupo zava
              • gb
                giovanna brava sara... incrociamo le dita! :)
                • AZ
                  Alvise grazie a tutti coloro che credono nei sogni e che credono in me!
                  • PS
                    Paola Mi piace!
                    • EM
                      Elisa Buon lavoro, Sara! Elisa
                      None