oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Network di Insu^Tv

Striplife - gaza in a day -

Una campagna di
Teleimmagini factory

Contatti

Una campagna di
Teleimmagini factory

Striplife - gaza in a day -

  • Raccolti € 15.000,00
  • Sostenitori 85
  • Scadenza Terminato
  • Modalità Prenotazione quote  
  • Categoria Film & cortometraggi

Una campagna di 
Teleimmagini factory

Contatti

Il Progetto

produzione: Trasparenze_Teleimmagini factory(italy) – Kanak (palestine) – centro cultura italiano Gaza

distribuzione:
produzioni dal basso-insu^tv-cantiere dell'immaginario

Durata: (doppio formato) 72’-55’
Genere: Creative documentary
Formato: HD/colore
Nazionalità: Italy-Palestine

Gaza, Palestina. Una striscia di terra distrutta dalle continue guerre, una prigione a cielo aperto di cui parlano tutti i giornali ma che nasconde complessità e diversità che non sono ancora state raccontate.
Movieng to Gaza è un progetto per la realizzazione di un film collettivo. Il film è stato realizzato da videomakers italiani e palestinesi, condividendo idee, storie, visioni e competenze tecniche. Non un film su Gaza, ma con Gaza.

TITOLO

STIPLIFE



SINOSSI

Striscia di Gaza.
Un evento inspiegabile è avvenuto durante la notte: decine di mante si sono arenate sulla spiaggia principale di Gaza City.
Carretti di pescatori accorrono da tutta la Striscia, per accaparrarsi carne fresca.
Intanto la città si sveglia. Antar sprona il fratello ad alzarsi, è il grande giorno, nel pomeriggio inciderà il suo primo pezzo musicale.
Noor si trucca, dovrà apparire davanti alle telecamere.
Jabber è già nel campo. Gli spari dei fucili gli ricordano che vive nella zona cuscinetto che separa Gaza da Israele.
Un corteo si snoda per le strade. Moemen è lì per fare il suo lavoro, il fotografo. La guerra gli ha menomato il corpo, non lo spirito.
Al porto una barca rientra con lo scafo crivellato da spari.
Il canto del muezzin invade lo spazio, la preghiera si moltiplica dai minareti. Come in un sogno, i ragazzi del Parkour Team piroettano in un cimitero.
La vita nella striscia si snoda fino alla notte.

NOTE DI REGIA

Il film è un affresco corale che racconta Gaza, dove le storie dei personaggi si fondono alla descrizione del contesto ambientale.
L'arco narrativo è quello di una giornata, dall'alba alla notte.
Uomini e donne che resistono, capaci di tenerezza e sorrisi, determinati a non soccombere a condizioni di vita che ai nostri occhi appaiono impossibili.
Un mosaico di umanità, ripreso nello stile dell "observation movie".
Senza dialoghi ricostruiti, ma solo intercettati dal mezzo cinematografico, a seconda di cosa succede nella realtà. Quadri per lo più fissi, utilizzando il limite dell'inquadratura per rappresentare l'impossibilità per i nostri personaggi di superare i confini che accerchiano la striscia di Gaza.
Uno stile senza simboli, ma fatto di immagini, di realtà, di tempo.
Si tratta di scegliere e unire brani di fatti in successione, relativi alla vita dei nostri personaggi e che ne raccontino lo spazio, ed essere in grado di vedere e di sentire quali sono i nessi, cosa li unisce indissolubilmente.


NOTE TECNICO-PRODUTTIVE

Il film è un prodotto elaborato dal lavoro collettivo di videomaker con esperienza decennale internazionale.
per saperne di più:
http://moviengtogaza.indivia.net/autori-moviengtogaza/

STRIPLIFE è stato realizzato con le più moderne tecniche del digitale HD, editato e post prodotto da professionisti di settore.

il lungometraggio verrà sottoposto a selezionatori internazionali in festival e canali distributivi e sarà rilasciato in home video sotto licenza creative commons.

PERCORSO PRODUTTIVO

La produzione del film si è sviluppato in varie fasi.
A marzo 2012 un gruppo di quattro persone si è recato a Gaza per effettuare un sopralluogo, entrando in contatto con realtà del territorio.
Attraverso il centro italiano per scambi culturali VIK, la troupè ha dato inizio ad una collaborazione con alcuni videomaker palestinesi interessati al progetto. Da questo scambio nascono le prime idee relative ai personaggi del film.
Nella fase successiva viene elaborata una sceneggiatura sulla base delle informazioni raccolte.
A Gennaio 2013 uno secondo gruppo di cinque persone parte per Gaza per girare il film e in due mesi porta a termine le riprese. Durante questa fase una casa di produzione locale, Khanan Media, si interessa al film ed entra in coproduzione mettendo a disposizione operatori e attrezzature.

Commenti (7)

Per commentare devi fare
  • an
      è un bellissimo regalo,vik ne sarà felice !
    • va
        Ottimo progetto, cerchiamo di diffonderlo e incentivarne altri, x un'informazione una cultura libere e indipendenti
      • ci
          non conosco direttamente i luoghi e la sua gente, spero di poterlo fare con questo project. Forza!
        • ma
            daje!
          • avatar
            maurizio  ragazzi in bocca al lupo per tutto...
            • se
                ho conosciuto la realtà della cisgiordania occupata e sostengo una onlus "gazzella" che opera a Gaza.Tutto ciò che si fa per a Palestina è sempre troppo poco, davanti alla violenza esercitata dal governo e dai coloni istraeliani contro il popolo palestinese. con la Palestina nel cuore. severina berselli
              • an
                angela  Sto sostenendo ben 2 produzioni: Revolution,belli e ribelli! e Movieng to Gaza. Speriamo bene, forza ragazzi!

                Community