oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Tutto tranne l'amore

Una campagna di
Giuseppe Di Costanzo

Contatti

Una campagna di
Giuseppe Di Costanzo

Tutto tranne l'amore

Campagna terminata
  • Raccolti € 2.000,00
  • Sostenitori 39
  • Scadenza Terminato
  • Modalità Prenotazione quote  
  • Categoria Libri & editoria

Una campagna di 
Giuseppe Di Costanzo

Contatti

Il Progetto

Sentimenti, ossessioni. Donne "sfruttate", donne che vogliono liberarsi. Un tormentato triangolo destinato a macchiarsi di sangue, come apprendiamo ad apertura della narrazione. Ma chi ha ucciso? E perché? È stato un atto volontario o si è trattato di un tragico incidente? O, per l’appunto, la colpa è soltanto del destino? Più che ai protagonisti, e ai personaggi secondari che cercano la verità, la realtà dell’accaduto si manifesterà al lettore, unico testimone delle voci che raccontano, nello svolgimento a ritroso e in avanti del tempo. Giuseppe Di Costanzo insegna Filosofia presso l’Università di Napoli “Federico II”. Come narratore ha pubblicato I popoli (Brescia, Shakespeare & Company, 1980, seconda edizione Napoli, Cronopio, 1995) I nemici (Napoli, Altri Termini, 1988), Lo sciacallo (Torino, Einaudi 1996) Il progetto (Lecce, Besa, 1999) I nemici. Tre racconti di guerra (Palomar, Bari, 2002). Vive tra Napoli e Berlino. Leggi le prime 10 pagine...

Commenti (4)

Per commentare devi fare
  • ev
    enrico  Passando di qui.. Enrico Viceconte
    • avatar
      Luciana  conosco Giuseppe da una vita...non è un erudito...non ne abbiamo bisogno!! è un uomo di raffinata cultura..e ne abbiamo bisogno in questi tempi barbari!
      • AF
        Attenta  Grande in bocca al lupo! Francesco Attena.
        • lu
            Tu lo sai, "Dick", è ora che si rendano conto tra le smisurate sciocchezze che si pubblicano talvolta (molto spesso) in Italy che la tua scrittura, le tue distopie, le tue pagine valgono assai tanto. In bocca al lupo. Tuo L.

          Community