or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Bibliopride2012

A campaign of
Associazione Italiana Biblioteche (AIB)

Contacts

A campaign of
Associazione Italiana Biblioteche (AIB)

books and publishing

Bibliopride2012

Campaign ended
  • Raised € 1,000.00
  • Sponsors 35
  • Expiring in Terminato
  • Type Make a pledge  
  • Category Books and publishing

A campaign of 
Associazione Italiana Biblioteche (AIB)

Contacts

The project

Il 13 ottobre si celebrerà la prima Giornata nazionale delle biblioteche. Una ricorrenza promossa dall’Associazione Italiana Biblioteche per ribadire l’importanza del sistema bibliotecario nazionale per la crescita culturale, economica e sociale del nostro Paese; una giornata di sorprese e di scoperte per tutti gli italiani, lettori e non lettori, frequentatori di biblioteche e non; un’affermazione d’orgoglio per tutti i bibliotecari italiani, che vogliono ribadire pubblicamente l’amore per la loro professione, e chiedere maggiore attenzione da parte delle istituzioni.
Le biblioteche oggi sono luoghi di conservazione, di studio e di ricerca ma anche luoghi di scoperta, di partecipazione, ambienti di apprendimento dove le persone possono imparare a dominare le tecnologie e a muoversi nel mondo sempre più esteso dell’informazione e dei saperi. Luoghi aperti, gratuiti, alla portata di tutti, che attendono solo di essere scoperti.

Il Bibliopride si svolgerà in tutta Italia e avrà il suo culmine il 13 ottobre a Napoli, dove le attività si concentreranno in:
- apriamo le biblioteche chiuse: apriamo per un giorno le biblioteche per dire che dovrebbero essere aperte sempre;
- visite alle biblioteche di pregio storico;
- coinvolgimento delle biblioteche di quartiere con una serie di iniziative per la cittadinanza;
- partecipazione popolare e sensibilizzazione di stampa, istituzioni, cittadini, con una manifestazione in piazza, una festa con testimonial famosi a favore dell’importanza delle biblioteche e della lettura.

IL VOSTRO SOSTEGNO
Per realizzare una grande manifestazione abbiamo bisogno di sostenere le spese, in particolare per l'evento conclusivo (noleggio palco, tassa occupazione suolo pubblico, stampa di depliant da distribuire).

Tutti coloro che parteciperanno con almeno 5 quote verranno ringraziati sulle pagine web dell'AIB dedicate all'evento.

Comments (7)

Per commentare devi fare
  • en
    enrica.manenti_2012-09-04 Aderito e diffonderò tra amici della cultura ! Enrica M.
    • ai
      aib.gio Grazie Simona!! :)
      • avatar
        Simona prenotata :-)
        • ai
          aib.gio Grazie Ivano! Condividete :)
          • avatar
            Ivano Una quota prenotata da Viadana, sede del "Giù le mani dalla Biblio".
            • ai
              aib.gio Ciao Nunpetrus, le attività dell'Associazione si rivolgono proprio a questo! Una manifestazione simile serve a portare l'attenzione delle autorità e dei cittadini sullo stato delle biblioteche italiane. Più se ne parla, più si protesta in caso di chiusure, bassi finanziamenti etc, più possibilità ci sono che gli Enti titolari di biblioteche (Comuni, Università, Province, Regioni etc.) si attivino per offrire un servizio bibliotecario adeguato a un paese che fa parte del G8.
              • Nu
                Nunpetrus il mio personale punto di vista è che preferirei (vedi recente boicottaggio finanziario della biblioteca dell'istituto per gli studi filosofici di napoli) che i soldi fossero raccolti non per manifestazioni estemporanee, ma per sovvenzionare le biblioteche e impedirne la chiusura.<br/><br/>chi guadagna infatti dalle manifestazioni? i fornitori certamente, chi affitta locali, strutture, chi vende generi di conforto e così via...<br/><br/>chi guadagna invece da una raccolta di danari organizzata per sovvenzionare le biblioteche e l'acquisto di libri veri? (non i surrogati digitali a pagamento che servono solo a far guadagnare quei tre-quattro euro l'anno a pseudoeditori)<br/><br/>TUTTA LA COLLETTIVITÀ<br/><br/>il confronto mi sembra impari