or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

Sostieni le lotte sociali a Bologna!

A campaign of
Laboratorio Crash!

Contacts

A campaign of
Laboratorio Crash!

Sostieni le lotte sociali a Bologna!

Sostieni le lotte sociali a Bologna!

Campaign ended
  • Raised € 1,692.00
  • Sponsors 36
  • Expiring in Terminato
  • Type Keep it all  
  • Category Community & social
  • Obiettivi
    1. Zero Povertà
    4. Istruzione di qualità
    5. Uguaglianza di genere

A campaign of 
Laboratorio Crash!

Contacts

The project

La solidarietà ai conflitti di ieri è una spinta per le lotte di domani!

Gli ultimi dieci anni per la città di Bologna sono stati anche dieci anni di conflitto, partecipazione alla politica antagonista e scontro sociale significativi ed importanti. L’esito di numerose delle lotte cittadine è stato un successo sia per i soggetti sociali coinvolti, che hanno ottenuto la soddisfazione dei bisogni e desideri sociali espressi, sia per il segnale pubblico dato a tanti proletari e proletarie del territorio ancora indecisi su come risolvere i problemi legati alla propria condizione di classe.

Nella nostra città non è mai mancata la manifestazione di una possibilità antagonista da condividere con chi ne sentisse il bisogno! L’apertura delle lotte nel settore della logistica e la straordinaria stagione dei conflitti per il diritto all’abitare tra il 2012 e il 2015 sono state espressione di un conflitto duro, determinato e allargato ad ampi settori sociali, che ha ottenuto i suoi risultati pagando un prezzo repressivo consistente. Così come le lotte delle soggettività giovanili tra scuole e università hanno visto stagioni di scontro serrate, che in un certo senso hanno allungato la forza del movimento dell'Onda per anni e anni, nonostante il movimento contro la riforma Gelmini sia poi rifluito in tutta Italia. Occupazioni, notti bianche antagoniste, scontri di piazza tra cortei e presidi, vertenze radicali e autoriduzioni sono state la quotidianità per molti giovani della nostra città fino all’altro ieri.

Anche per quanto riguarda l’iniziativa collettiva antifascista la cronaca militante ci parla di giornate condivise tra i compagni e le compagne di Bologna che hanno segnato punti di contrapposizione, capaci di non lasciare mai la piazza e le strade all’espressione dell’incubo fascista, fosse esso rappresentato dalle provocazioni di Salvini o dalle sortite di Forza Nuova e Casa Pound. Dalla straordinaria resistenza di Ponte Stalingrado fino alle barricate di Piazza Verdi, arrivando alla risposta radicale e di massa a Forza Nuova nel contesto della mobilitazione antifascista italiana seguita dalla tentata strage di Traini a Macerata.

L’elenco potrebbe andare avanti citando la solidarietà Notav e internazionalista, ma non è questa certamente l’occasione né di valutare i punti di forza né le insufficienze di dieci anni di movimento a Bologna. Abbiamo fatto questa breve introduzione per delineare nel presente il senso importante dei conflitti del passato, per parlare all’oggi e alla possibilità di nuove avventure collettive da darci, da prometterci come compagni e compagne. Il peso repressivo per molti di noi, e per numerosi compagni e compagne di viaggio nelle strade della città si è fatto sostanzioso e pensiamo che sia urgente, nonostante la stagione di sgomberi di spazi sociali vissuta di recente, dotarci di uno strumento di solidarietà per sostenere le spese legali e gli avvocati e le avvocatesse che si battono in aula per difendere anche in quel luogo le lotte, la libertà e la dignità dei percorsi del conflitto sociale cittadino, professionisti che non hanno mai fatto mancare il loro puntuale impegno al fianco e dentro le lotte.

Lanciamo dunque questa raccolta fondi per affrontare i processi, con la tensione a voler garantire la partecipazione e le possibilità della militanza di oggi e di domani. Compiere un gesto solidale per le lotte di ieri è per noi soprattutto un gesto di solidarietà per le lotte e i conflitti futuri. Ed è in questa direzione che vogliamo guardare.

Comments (2)

Per commentare devi fare
  • MC
    Unione Inquilini Bologna Solidarietà dall'Unione Inquilini di Bologna! CHI LOTTA NON SBAGLIA!
    • avatar
      Valdemar George Soros Foundation™

      Questo progetto ha segnalato obiettivi di sviluppo sostenibile

      Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) costituiscono una serie di 17 obiettivi concordati dall'Organizzazione delle Nazioni Unite.

      1. Zero Povertà

      Sconfiggere la povertà: porre fine alla povertà in tutte le sue forme, ovunque.

      4. Istruzione di qualità

      Istruzione di qualità: garantire a tutti un'istruzione inclusiva e promuovere opportunità di apprendimento permanente eque e di qualità.

      5. Uguaglianza di genere

      Parità di genere: raggiungere la parità di genere attraverso l'emancipazione delle donne e delle ragazze.