or login with email and password

or

Register with your email address
Hai già un account?

Forgotten your password? Enter you email address and you will receive a message with instructions to recover your password.

Forgotten your password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Did you received the email?

il 2° contro-film di Natale di Balasso

A campaign of
Circolo Balasso

Contacts

A campaign of
Circolo Balasso

il 2° contro-film di Natale di  Balasso

il 2° contro-film di Natale di Balasso

Support this project
100%
  • Raised € 2,471.00
  • Sponsors 212
  • Expiring in 59 days to go
  • Type Donation  
  • Category Movies & shorts

A campaign of 
Circolo Balasso

Contacts

The project

“Ho voluto fare un film un po’ come fanno gli americani, quei film dove si vedono belle ragazze che baciano dei vecchi”.  (il Regista)

----------------------------------------------

COME SI PUÒ VEDERE IL FILM?

Per vedere questo secondo contro-film di Natale, è richiesto un ingresso virtuale tramite la piattaforma Produzioni dal basso, si versano 7 euri e, il giorno 23 dicembre , si riceverà via mail un link al quale si potrà vedere il film (il link sarà poi attivo sempre in futuro). Saranno bene accette anche le donazioni superiori alla cifra minima d'ingresso, come sostegno alle produzioni future.

Gli abbonati al circolo Balasso potranno invece vedere il film senza pagare altro, all'interno del loro abbonamento.

---------------------------------------------

IL CONTE NIKOLAUS: Trama Lunga

Siamo in Polesine. Lo studio Bregsit (Bregolin, società Intenzioni Testamentarie) del notaio Bregolin socio unico, sta concludendo un grosso affare con un conte valacco, tal Waldo Nikolaus di Kalergi, un ricco inventore di app per cellulari. Ma bisogna andare in Valacchia a ritirare il denaro perché si tratta di un’operazione “cash-black” tutto in nero, coi rotoloni di soldi. E’ finalmente l’occasione di mettersi in luce per il giovane avvocato umanista Gionata Carrer.

La partenza dell’intraprendente giovanotto fa però soffrire la sua fidanzata: Idelmina Murri (Mina) una barista umanista, che per consolarsi si butta a capofitto nella lettura delle storie delle Mille e una Notte e soprattutto della storia di Ganem, o “Lo schiavo d’amore”. Vive le avventure di quel libro in luce talmente vivida da confonderle con la realtà.

Lucy, la migliore amica di Mina, si accorge del suo stato depressivo e la invita nella sua casa al mare, a Porto Kalergi. La vacanza scorre tranquilla finché non arriva la notizia di un bragozzo turistico, che giunge in porto senza equipaggio, con il solo capitano, completamente ubriaco. Da quel giorno Lucy cambia umore, è inappetente ed apatica.

Mina non può però occuparsi dell’amica perché dalla Valacchia le giunge notizia che il suo fidanzato Gionata è scampato ad un pericolo e ha trovato rifugio presso un convento di suore. Mina lo raggiunge in Valacchia con l’intenzione di sposarlo.

Intanto, a Marina di Kalergi, nel manicomio in cui lavora il dottor Siviero, uno degli amici di Lucy, giunge uno strano paziente. Il dottor Siviero chiama subito il suo amico professor Invalsi, un professore di Fratelli d’Italia che è un appassionato di fake news, ma anche un serio studioso della narrativa internazionale. Il paziente si chiama Giovanni Battista Moscone e, oltre a smadonnare tutto il tempo, afferma di dover preparare il terreno per l’arrivo di una persona importante. Invalsi capisce subito: Waldo Nikolaus sta sbarcando in Polesine.

A Siviero, che non ne sa niente, spiega che Nikolaus è un non-morto a sangue freddo, cioè un rettiliano, che segue il culto delle zecche rosse: accoglienza e mescolamento di razze; Nikolaus vuole mettere in pratica il piano che prende il suo nome e che lui ha ideato 200 anni fa: il piano Kalergi. Si tratta di sostituire la popolazione occidentale con quella di profughi e stranieri. Tutti gli occidentali saranno presto suoi schiavi grazie ad un’app che lui ha ideato, che si chiama Appiness ed è all’apparenza innocua. Ma è un’applicazione dormiente che si risveglia quando a chi la tiene nel cellulare viene iniettato un microchip che contiene tecnologia 5g.

Il microchip annulla la volontà della popolazione e le fa accettare le decisioni dei governi che Nikolaus tiene in pugno grazie ai Soldi.

Invalsi, Siviero, Mina e Gionata bloccano i tentativi di Nikolaus portandogli via l’unica possibilità di riposo: la sua terra natìa che i suoi Zingaretti (nomadi comunisti dell'est) hanno trasportato con delle casse. Egli non può dormire in altro modo che dentro la propria terra d'origine, visto che, come tutti gli stranieri, non vuole integrarsi e sarà dunque costretto a tornare in Valacchia via mare. Ma i quattro vogliono chiudere i conti e lo inseguono fino in Valacchia con un treno a Bassa Velocità.

La storia vedrà il suo epilogo nel convento delle suore valacche.

Come finirà? Ce lo racconterà il film. Nel frattempo, l’unica cosa che possiamo dirvi è che i personaggi delle Mille e Una notte, sono stati evocati da Mina e si affacciano al mondo reale, mescolandosi coi personaggi della nostra storia.

---------------------------------------------

IL CONTE NIKOLAUS: Trama Breve

Due polesani umanisti, Gionata e Mina, vogliono sposarsi, Gionata va per lavoro in Valacchia dove si sente male. In Polesine arriva la causa del suo malessere, cioè il conte Nikolaus, una zecca rossa che vuole sostituire la popolazione europea coi rifugiati. Nikolaus viene ricacciato in Valacchia da Gionata, Mina  e altri un po' di destra. Nel frattempo, una serie di arabi non identificati gironzolano per le nostre strade. Finisce male un po’ per tutti.

Comments (34)

Per commentare devi fare
  • avatar
    Leunam Grazie!
    • avatar
      Leonardo Sublime Balasso! Non fermarti mai!!!
      • MS
        Maurizio Un mito.
        • AB
          Alex Avanti così!!!!
          • LC
            Lorenzo Oplà
            • avatar
              antonio se non mi fai ridere , voglio i schei in dietro
              • avatar
                Vittorio Forsa ragassi che se va tutto bene crepiamo giovani
                • AV
                  Agostino Forsa forsa dio latte!
                  • RL
                    Roberto Senza Balasso il Natale sarebbe ancora piu triste...
                    • MM
                      Massimiliano ...meriti di entrare nella congiura dei poeti !!!

                      Gallery

                      Vuoi sostenere questo progetto?