oppure accedi con email e password

oppure

Registrati con il tuo indirizzo email

Inserisci il tuo indirizzo email: ti invieremo una nuova password, che potrai cambiare dopo il primo accesso.

Ricordi la tua password?

Controlla la tua casella email: ti abbiamo inviato un messaggio con la tua nuova password.
Potrai modificarla una volta effettuato il login.

Il rifugio delle sibille

Una campagna di
Giovanna Bonfili

Contatti

Una campagna di
Giovanna Bonfili

Il Rifugio delle Sibille

Il rifugio delle sibille

Campagna terminata
  • Raccolti € 0,00
  • Sostenitori 0
  • Scadenza Terminato
  • Modalità Raccogli tutto  
  • Categoria Comunità & sociale

Una campagna di 
Giovanna Bonfili

Contatti

Il Progetto

Il rifugio appenninico delle Sibille  di media montagna raccoglie le tradizioni spirituali e taumaturgiche antiche seguendo l'evoluzione storica di un filone antropologico culturale sommerso ma ancora vivo della "sconfitta" cultura contadina Europea, ma direi mondiale.
Dalle Sibille ns comunanze dal prominente femminino, società gileniche tanto care a Maria Gimbutas, alle donne contadine perseguitate come streghe, fino al culto mariano attuale e i percorsi francescani, di cui fa parte, per terminare con tutta la taumaturgia olistica che ne consegue.La Grande Madre assurge ad emblema di ciò che è stato rimosso dall' incoscio collettivo per condurci verso l'autodistruzione. Il rifugio delle sibille è il tempio del femminno ritrovato che ci conduce all'autoguarigione purificatrice. Un cammino iniziatico aperto al ritorno alla grande energia spirituale universale che tutto avvolge per riconoscersi è ritrovarsi in armonia con la Grande Madre Terra e l'intero universo che l'avvolge.
Un ritrovato femminino integrato al tutto che si identifica in un
Nuovo Centro Olistico igienistico VegKneipp aperto ad ognuno, che intende offrire un Rifugio accessibile a tutte/i coloro che desideraro prevenire e curarsi con metodi non convenzionali. Indispensabile ancora di più nel considerare che l'intero territorio montano appenninico verrà sempre più privato del welfare quale strutture sanitarie, culturali e di pubblica sicurezza, con l'assurda motivazione della recessione economica e intrappolato da rigurgidi misogeni e moralmente perversi che avanzano.   I soldi serviranno per completare la struttura in bioedilizia/ ecorestauro di un'antica casetta in pietra calcarea posta tra una gola appennica del centroitalia: San Cassiano di Fiuminata, a circa 600 mt di altitudine accanto ad una sorgente d'acqua terapeutica, tra Sibille, culti mariani e percorsi francescani che percorrono l'itinerario Assisi/Loreto.
Il progetto intende seguire fattivamente il percorso politico culturale Transitiontown, vedi siti di riferimento dove appunto è stato inserito. Si accettano aiuti da 25 euro e multipli; a chi crede e aiuta ad ogni 25 euro avrà come ricompenza l'accoglienza nel centro per un giorno e una notte: potremo cucinare e mangiare insieme, meditare, praticare ogni disciplina naturopatica ed aprire momenti di democratico confronto.Chi lo vorrà potrà fermarsi più giorni e contribuire al progetto secondo la logica dello scambio. La cifra complessiva è di
6000 euro per finire il primo e il secondo piano: portone, sanitari pavimentazioni da completare, scala e soppalco.
Mi chiamo Bonfili Giovanna e sono un' exinsegnante di Lettere in pensione, laureata in filosofia libera ricercatrice di spiritualità,  igienismo e naturopatia.Questo è il mio sogno che desidero immensamente condividere con chi abbraccia i miei stessi valori, ma anche aperto a chi intende intraprendere un cammino di crescita e miglioramento seguendo la via del bene responsabile e autodeterminante.

Commenti (0)

Per commentare devi fare