Camilla Ravera (1889 - 1988)

Redattrice de L'Ordine Nuovo, il settimanale nato nel 1919 e diretto da Antonio Gramsci, fu tra le fondatrici del Partito Comunista d'Italia. Incaricata di gestire l'organizzazione femminile del partito, fond˛ il periodico La Compagna. Dopo l'arresto di Gramsci, si ritrov˛ praticamente a capo dell'organizzazione clandestina per la quale svolse un'attivitÓ prodigiosa prendendo parte anche ad alcuni congressi del Comintern dove ebbe modo di conoscere sia Lenin che Stalin. Prima donna ai vertici del partito fu arrestata nel 1930 e condannata a 15 anni di carcere e confino, a Ventotene e Ponza, "per agitazione e propaganda contro il regime e ricostituzione del Partito comunista".

Dopo la fine della guerra intensific˛ la sua militanza con passione e competenza: fu eletta nel Consiglio comunale di Torino, fondo l'UDI (Unione Donne Italiane), fu deputata alla Camera per il PCI e poi, nel 1982, fu nominata senatrice a vita dal presidente Pertini, carica questa che prima d'allora non era mai stata conferita ad una donna.

Il suo diario, dedicato a Rosa Bertone, la "guardiana" presso il carcere femminile di Varese dove la Ravera era stata condotta dopo il suo arresto, che la cur˛ e la protesse rischiando il suo posto di lavoro e forse anche di pi¨, Ŕ un racconto puntuale e rigoroso ma allo stesso tempo intenso ed appassionato di quegli anni difficili, Ŕ la storia di tanti uomini e donne che hanno lottato, sofferto, rischiato per i loro ideali.